Come vivere in una casa stile minimal: dai pavimenti agli infissi

 

 

Vivere in una casa arredata e persino costruita in stile minimal significa garantirsi una esperienza abitativa fuori dal comune, comoda e gratificante. Significa però anche tanto altro, per esempio: risparmiare e consumare di meno. Tra i protagonisti a sorpresa dello stile minimal ci sono i pavimenti e un “particolare” tipo di infissi. Ne parliamo qui, fornendo una panoramica dello stile minimal, descrivendo come si declina, operando un focus su pavimenti e infissi.

 

Cos’è lo stile minimal

 

Prima di entrare nel dettaglio, e parlare di pavimenti e infissi, è bene fornire qualche coordinata generale. Per esempio, dando una definizione di stile minimal.

 

Lo stile minimal è molte cose, ma è soprattutto un modo di intendere l’arredamento e più in generale la gestione degli spazi che si basa sulla sottrazione.

 

Come suggerisce il nome, il minimal contempla l’impiego di un numero ristretto di elementi, siano essi di puro arredo o aventi una funzione pratica. A ciò però non corrisponde una povertà di mezzi. In buona sostanza, le funzioni vengono accorpate, in modo che la soddisfazione delle esigenze abitative non subisca compromessi (anzi, è il contrario).

 

Lo stile minimal, dunque, predilige gli spazi ampi, solo all’apparenza vuoti, che ricoprono più funzioni in una volta. Non è raro che in un appartamento minimal lo stesso locale sia adibito a zona living, sala da pranzo, cucina.

 

In generale, si trae una sensazione di libertà, di spaziosità. Tale approccio viene perseguito mediante l’applicazione di specifici dettami architettonici ma soprattutto mediante gli elementi di arredo. Questi ultimi, per esempio, sono spesso a muro, in modo da svolgere la propria funzione “senza apparire”.

 

Lo stile minimal impone anche una precisa scelta in termini di materiali e colori. Le parole d’ordine sono sobrietà ed essenzialità, che però non hanno nulla a che vedere con l’austerità. Più che altre, si trae un flavour futuristico.

 

Ad ogni modo, si prediligono le varie tonalità del grigio e del bianco. Colori, questi, valorizzati da una gestione della luce molto peculiare. La luce diventa quasi un fattore di arredamento, incide da un lato sulla resa estetica degli elementi, che assumono così delle tonalità diverse.

 

Idee di arredamento per uno stile minimal

 

Se lo scopo è abbracciare lo stile minimal, sarà necessario scegliere gli elementi di arredo con estrema cura. Ciò vale soprattutto per quelli più in vista, come i divani, le poltrone, i piani, i tavolini, le sedie. Senza addentrarci in una lunga quanto tediosa trattazione dei vari modelli, possiamo affermare che gli elementi devono possedere le seguenti caratteristiche.

 

Forse essenziali, a tratti spigolose. È questa l’essenza del minimal: togliere, sottrarre. Le linee devono essere quindi semplici e nette.

 

  • Materiali facili da pulire. Lo scopo è garantire a lungo la sensazione di purezza quasi eterea che lo stile minimal ricerca.

 

  • Colori comprendenti più variazioni di grigio, bianco. Sia chiaro, sono ammessi altri colori, ma solo se non presentano un carattere pastello.

 

  • Un’idea molto particolare consiste nell’installazione del riscaldamento a pavimento. In tal modo, è possibile ridurre al minimo la presenza dei dispositivi di climatizzazione, o addirittura rinunciare ad essi totalmente. Un modo da un lato per approcciarsi allo stile minimal in modo molto completo, e dall’altro di garantirsi un certo risparmio in bolletta. L’installazione costa una certa cifra, ma si rientra dall’investimento entro poco tempo.

 

Ad ogni modo, il riscaldamento a pavimento consiste nel porre a un livello sottostante il rivestimento dei tubi attraversati da acqua calda. Il calore si sposta sulle superfici sovrastanti, secondo i meccanismi dell’irraggiamento.

 

I vantaggi economici dell’arredamento minimal

 

Vale la pena approfondire un aspetto, ovvero quello secondo cui lo stile minimal è funzionale al risparmio. Per definizione, lo stile minimal rifugge dall’abbondanza, dall’oggettistica. Dunque, in un certo senso si lega a una riduzione dei consumi, delle spese. Lo stile minimal, poi, con il suo focus sugli spazi e sulla luce, si rivela meno esigente in termini di illuminazione artificiale.

 

Un altro vantaggio economico consiste nella versatilità non tanto dell’arredamento minimal, quanto dello stile architettonico minimal. Infatti, visto l’accento posto sugli spazi aperti, si prestano alla personalizzazione più totale. In un certo senso, gli spazi minimal possono essere riempiti a piacimento. Ciò piace ai compratori e causa un discreto aumento di prezzo.

 

Infissi a libro e stile minimal, un rapporto stretto

 

Chi vuole perseguire un approccio minimal deve però profondere la massima attenzione anche nella scelta degli infissi. Sono elementi funzionali, che ricoprono anche un ruolo estetico.

 

Quali sono gli infissi migliori per lo stile minimal? Alcuni apprezzano quelli a scomparsa, che in effetti occupano poco spazio. Tuttavia, non sono in grado di esprimere il carattere sui generis del minimal. Servirebbe una soluzione sì salva-spazio, ma anche particolare.

 

Questa soluzione è data dagli infissi a libro. L’argomento è interessante, dunque è bene fare riferimento a chi di questa tipologia di infisso se ne intende, come Infissi&Persiane: punto di riferimento del monzese e della Brianza per l’installazione di serramenti di pregio e accessibili.

 

Se volete approfondire anche e soprattutto dal punto di vista tecnico (su infissiepersiane.it), questa risorsa dedicata agli infissi a libro può essere utile.

 

A prescindere dall’aderenza all’approccio minimal, comunque evidente, gli infissi a libro presentano molti vantaggi:

 

  • Riducono l’ingombro. Rispetto alla normale apertura a battente, coprono meno spazio in fase di apertura.

  • Sono comodi. Soprattutto quando applicati a finestre molto grandi, questi infissi rivelano tutta la loro praticità.

  • Sono versatili. Si prestano al minimal, ma anche ad altri stili, dallo shabby chic al classico al rustico.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.